GIORNO 4: PHU QUOC, L’ISOLA CHE NON C’E’

“Seconda stella a destra, questo è il cammino e poi dritto fino al mattino; se ci credi la trovi da te, porta all’isola che non c’è”

Così cantava una nota canzone e stavolta sembra che siamo riusciti a trovarla. Avete presente quelle classiche isole da cartolina: mare cristallino e spiaggia bianca? Ecco l’abbiamo trovata e si chiama Phu Quoc! Adesso ve la faccio scoprire e vi racconto la nostra esperienza.

DSCN7221

È una piccola isola al largo delle coste meridionali del Vietnam, ancora selvaggia e in via di sviluppo o meglio in via di costruzione. Sì perché stanno crescendo come funghi mega resort e autostrade, d’altronde un paradiso del genere chiama turismo. E’ un pò un peccato perché in questo modo si snatura un pochino la bellezza del luogo ma qualche giorno di relax su questa splendida isola non può mancare in un tour del Vietnam.
In sella al nostro motorino, noleggiato direttamente in albergo, partiamo alla scoperta di Phu Quoc. Come detto le strade sono in costruzione e ce ne rendiamo subito conto. Lo sterrato la fa da padrona. Così ci facciamo chilometri e chilometri nella fanghiglia, sbagliando pure strada, alla ricerca della nostra spiaggia da sogno: Bai Sao. Finalmente riusciamo a trovarla e restiamo senza fiato. Trascorriamo qualche ora crogiolandoci al sole e cercando di rinfrescarci in acqua, cosa difficile visto che la temperatura sarà stata di almeno 28°C. Per combattere la calura ci concediamo un classico e immancabile mangia e bevi locale, ovvero il cocco.
DSCN7192
Dopo qualche ora decidiamo di tornare verso l’albergo, rincorrendo il tramonto. Così rimontiamo in sella al motorino e ci dirigiamo verso non si sa bene dove. L’isola non è tanto grande ma le indicazioni stradali lasciano un po’ a desiderare. Infatti anche stavolta ci perdiamo, o meglio non abbiamo la benché minima idea di dove ci troviamo. Per nostra fortuna intravediamo l’aeroporto che si trova più o meno a metà dell’isola, ma invece che svoltare proseguiamo dritto verso l’ignoto.
Sempre per pura casualità e una gran fortuna finiamo dritti nella capitale: Duong Dong, nota per la salsa di pesce. È una città carina e come quasi ogni città asiatica ha il mercato notturno. Visto che ci troviamo su un’isola la specialità della casa non può che essere il pesce. Ci facciamo un giro e ci mangiamo qualcosa in un bar improvvisato sulla spiaggia per poi rientrare in albergo. Un altro giorno è trascorso piacevolmente in questo Paese che ci offre ogni giorno nuove sorprese.
DSCN7263
Purtroppo la nostra permanenza a Phu Quoc è finita dopo un paio di giorni, ma ci portiamo via un pezzetto di isola: una perla. Si perché oltre alla salsa di pesce, questo luogo è conosciuto per la coltivazione di perle e ne vale davvero la pena: sono bellissime e qui non costano un occhio della testa.
E’ davvero arrivato il momento di lasciare questo posto incantato e di proseguire il nostro viaggio alla scoperta del Vietnam.
Categorie Viaggi che passione, Viaggi in movimentoTag , , , ,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close