ASIA ADDICTED

Asia, Asia e ancora Asia. Dal primo viaggio in questo continente sconfinato, fatto di culture e paesaggi diversi, ho perso la testa. Mi sono innamorata della sua gente e dei loro sorrisi, dei paesaggi, del mare e delle montagne. Condivido questa passione con colui che adesso mi accompagna, e sopporta il mio voler sempre vedere tutto. Amo l’Asia, e non perdo occasione per sognarla e appena possibile raggiungerla.
DSC02253
Solitamente si parla di Mal d’Africa, ma credo che sia una “male” che viene in base alle esperienze di viaggio fatte un po’ in tutto il mondo; io infatti ho il “Mal d’Asia”. Non ho visitato chissà quanto questo continente, anche perché è immenso e forse una vita non basterebbe, soprattutto se poi si ha voglia di visitare anche il resto del mondo. Ma ogni anno quando arriva il momento di scegliere la destinazione per le ferie il mio cuore si orienta verso questa parte della Terra. Parlo proprio di Cuore, perché una grande parte la ho lasciata in Nepal, e un’altra nel Sud-Est Asiatico, anche se la mia esperienza in Thailandia non è stata vissuta al 100%.
Sicuramente ogni Paese asiatico ha la sua particolarità, la Cina, non è come l’India e la Thailandia non è come il Giappone, ma secondo me quello che accomuna e che mi affascina di questo continente è la diversità e la lontananza dalla nostra cultura. I ritmi di vita sono completamente differenti dai nostri e soprattutto nei Paesi più poveri dove non c’è tutta questa necessità di correre (per cosa non si sa poi) e vivono proprio secondo un “orologio biologico” che è scandito dalla natura e non sempre imposto da orari e regole imposte da chissà chi.
DSCN1059
Sicuramente nelle città più industrializzate per negozi, uffici, poste e banche ci sono degli orari, ma per conto mio è proprio la concezione del tempo che è lontana dalla nostra. C’è molta più spiritualità e soprattutto in alcuni luoghi la respiri e la vivi anche se non la comprendi appieno.
Vivono per le strade, si vestono con abiti tipici e spesso consunti, mangiano riso e verdure cotte al vapore e soprattutto sorridono sempre e questa è la parte che mi piace di più di questa gente.
Non vi sto dicendo che nel resto del mondo le persone non sorridano o non hanno una propria cultura da mostrare, ma per quello che ho vissuto io, tutto questo in Asia è ancora autentico. Inoltre riflettiamoci un pò: negli ultimi anni in Occidente si sta cercando molto di imitare l’Oriente. Pensate a tutti i corsi di yoga che ormai spopolano. Allo street food, dove spesso mangiare è diventata un’esperienza culinaria (ed economica) raffinata e di tendenza. Alla meditazione, al buddismo: la ricerca di una pace interiore attraverso filosofie di vita che affondano le loro radici nelle terre d’Oriente. Sia chiaro: ben venga tutto questo, mi fa sentire più vicina all’Asia, a quella che amo e nella quale non vedo l’ora di tornare. Finalmente, non manca ancora molto: Vietnam e Cambogia mi aspettano!
DSCN2230
Categorie Viaggi che passione, ViaggiAriTag , ,

2 pensieri riguardo “ASIA ADDICTED

  1. Partirete quindi presto per Vietnam e Cambogia?
    Evviva! Non vedo l’ora di seguirvi :*

    Mi piace

    1. Ciao Serena che bello ritrovarti. No si tratta di un viaggio già fatto e lo riviviamo pubblicando il nostro diario di viaggio. Ogni lunedì una puntata!

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close