VIAGGIO IN NEPAL: INFORMAZIONI PRIMA DI PARTIRE

Il Nepal è un Paese che offre varie tipologie di Viaggio. Lo si può scegliere per un viaggio spirituale, per provare un trekking o semplicemente per visitarlo da cima a fondo. Qualsiasi sia la vostra scelta è bene sapere un paio di cose prima di partire. Quindi vediamo cosa c’è da sapere prima di partire per questa affascinante terra.

DSCN0008

VISTO

Come per la maggior parte dei Paesi del mondo, è necessario possedere un visto per entrare in Nepal. Questo lo si ottiene direttamente all’arrivo in aeroporto a Khatmandu. Una volta veniva fatto tutto a mano e per questo bisognava portare molta pazienza e aspettare il proprio turno. Le cose adesso stanno pian piano cambiando. Infatti c’è la possibilità di farlo anche via internet dal sito ufficiale del dipartimento d’immigrazione nepalese (http://online.nepalimmigration.gov.np/tourist-visa). Con questo metodo potrete evitare un po’ di coda, soprattutto nei periodi di punta per i trekking. Se si decide di farlo in aeroporto ci sono due opzioni: la prima compilando il modulo che vi verrà fornito in aereo e procedere al banco dell’immigrazione che con molta calma vi rilascerà il visto. Altrimenti, da qualche anno, c’è la possibilità di farlo attraverso dispositivi elettronici posti in aeroporto per poi andare in ogni caso dai funzionari presenti per il rilascio. Ricordatevi che per l’emissione vengono richiesti il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e due foto tessere.

VACCINI

Il Nepal è sicuramente un paese povero, ma per quanto riguarda i vaccini non viene indicato nulla di particolare. Eventualmente un semplice ciclo di fermenti non fa mai male, visto che il cibo è diverso da quello che mangiamo noi e il corpo potrebbe non essere abituato. Se decidete di fare un viaggio alla scoperte delle bellezze di questo Paese e quindi andrete a fare un’escursione nella giungla magari l’antimalarica è una buona idea. In ogni caso il vostro medico di fiducia vi saprà consigliare al meglio. Una volta arrivati in Nepal ricordatevi di bere sempre acqua in bottiglia, o bollita, per evitare problemi di tipo intestinale. Sapete, rovinarsi la vacanza per un fastidioso virus non è proprio il massimo! Inoltre portatevi degli occhiali da sole, anche per riparare gli occhi dalla polvere presente ovunque, e se fate un trekking dai riflessi del sole d’alta montagna. Inoltre, visto che c’è molto smog, cercate di coprirvi la bocca con una pashmina o una sciarpa.

MONETA E CAMBIO

La moneta nazionale è la Rupia Nepalese. Sparsi a Khatmandu e nella città più grandi ci sono diversi bancomat e cambi. Gli hotel accettano anche le carte di credito. Se decidete di fare un trekking ricordatevi di cambiare a sufficienza prima di partire per avere monete di piccolo taglio in caso voleste togliervi qualche sfizio o per pagare le bibite che solitamente non sono comprese nei “pacchetti” dei trekking.

STRADE E TRASPORTI

DSCN0118

Tasto un po’ dolente del visitare il Nepal riguarda le strade. Bisogna dire che non sono proprio il loro forte e anche in città sono molto sconnesse e poco curate. Ma poco male, farete l’abitudine alle buche e allo sterrato. Anche questo fa parte del viaggio. Un discorso a parte meritano le strade che portano alle partenze dei trekking. Non sempre esistono, ma gli autisti sono bravissimi a crearsi vie di passaggio per portarvi a destinazione. Ecco appunto i trasporti. Sconsiglio di noleggiare macchina o motorino. Impensabile nel caos di Khatmandu e anche per raggiungere altre città visto che spesso le indicazioni sono in nepalese. Affidatevi ad una macchina con autista, che solitamente viene fornita dall’hotel dove alloggiate. Altrimenti per girare in città affidatevi ai tuk-tuk, tipici mezzi asiatici, simili alle nostre Ape, o agli autobus. In questo modo potete dire di aver vissuto davvero come gente del posto. Altrimenti i buoni vecchi taxi per i turisti sono la soluzione migliore. Ricordate di contrattare sul prezzo delle corse.

SICUREZZA

DSCN0640

Ci ho vissuto qualche mese e non ho mai avuto la sensazione di non essere al sicuro. Se non per i cani randagi, ma questa è una mia paura. Quindi andate tranquilli. Ovviamente bisogna stare attenti, come in ogni altra parte del mondo, e non ostentare troppo. Per il resto la gente vi farà sentire come a casa e avrete solo il desiderio di tornarci.

Categorie Viaggi che passioneTag

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close